LA COLOMBIA PIU’ RADICALE? A PETRO MANCA IL MANDATO

image0 (6e1dc1ef-7007-4bbe-82f6-d7934cb69753)

Se il presidente eletto non riuscisse a spostarsi verso il centro, il rischio di maggiori instabilità politica e incertezza economica aumenterebbe esponenzialmente. L’analisi di Marco Vicenzino

Di Marco Vicenzino

22 giugno 2022

La storica vittoria di Gustavo Petro, primo presidente di sinistra della Colombia, ha messo a soqquadro la politica colombiana e prosegue il processo complessivo di spostamento a sinistra dell’America Latina, in particolare in direzione populista. Tuttavia, Petro non avrà la maggioranza parlamentare in quanto la sua coalizione di sinistra, il Pacto Histórico, ha solo il 15% dei seggi in entrambe le Camere. Ciò complicherà certamente la sua capacità di perseguire un programma più radicale.

Al suo terzo tentativo alle presidenziali, Petro ha vinto con il 50,48%. Su 39 milioni di colombiani aventi diritto al voto, circa 21,6 milioni hanno votato per le elezioni presidenziali, con un’affluenza alle urne del 58,1%. Sebbene si tratti della partecipazione più alta degli ultimi 20 anni, l’astensione alle elezioni presidenziali è stata costantemente superiore al 40% dal 1990. In sostanza, quasi due terzi degli elettori colombiani aventi diritto non hanno votato per Petro. La vittoria di Petro, pertanto, non equivale numericamente a un mandato popolare.

Questo sottolinea la necessità per Petro di evitare di spingersi oltre come presidente, moderando le sue politiche, spostandosi verso il centro e rinunciando alle sue proposte più radicali. Se si rivolgesse all’opposizione con fatti concreti e non solo a parole, la presidenza di Petro potrebbe sfidare le aspettative dei suoi critici più accesi, con benefici finali per la Colombia e un esempio per l’intera regione. Se Petro deciderà di perseguire le sue proposte politiche più radicali e di alienarsi gli avversari, comprese ampie fasce della società colombiana, la sua presidenza si rivelerà polarizzante e potenzialmente disastrosa per la Colombia e non solo. Si creerebbe una situazione di stallo politico ed economico e potrebbe minacciare la capacità di Petro di portare a termine un intero mandato presidenziale.

Durante il suo incarico pubblico, Petro ha sviluppato una reputazione di arroganza e disprezzo. Questo ovviamente non è di buon auspicio per un contatto efficace con gli avversari politici nella legislatura colombiana. Inoltre, l’agenda di Petro potrebbe incontrare ulteriori ostacoli da parte del sistema giudiziario colombiano, tradizionalmente indipendente. Petro proviene chiaramente dall’estrema sinistra dello spettro politico. I suoi sostenitori lo considerano un progressista e sottolineano le sue credenziali democratiche e il suo servizio come senatore eletto e sindaco della capitale della Colombia, Bogotà. Tuttavia, i critici di Petro sottolineano il suo passato di guerrigliero urbano impegnato nel rovesciamento violento di governi democraticamente eletti. Sottolineano che il suo populismo politico rappresenta fondamentalmente una minaccia diretta alle istituzioni e al sistema democratico della Colombia. Si teme che Petro possa portare la Colombia sulla strada disastrosa del chavismo nel vicino Venezuela. Per garantire una presidenza produttiva di quattro anni e un mandato, come previsto dalla legge colombiana, Petro deve essere all’altezza della situazione ed elevarsi al di sopra della mischia politica, non per scelta ma per necessità.

La realtà del potere esecutivo deve far riflettere Petro. Deve evitare un approccio arrogante alla leadership nazionale. È fondamentale che Petro non sottovaluti l’ampiezza dei compiti da svolgere e le responsabilità di governare una nazione altamente diversificata di 50 milioni di persone.

Terza nazione più popolosa dell’America Latina, la Colombia è anche la regione in più rapida crescita e la quarta economia più grande. Gli investitori stranieri restano profondamente preoccupati per il programma radicale di Petro. Nonostante le congratulazioni ufficiali a Petro, gli Stati Uniti temono la sua vittoria e le implicazioni per la Colombia, da decenni il più importante alleato degli Stati Uniti in America Latina.

Pubblicamente, Petro ha promesso cambiamenti nelle relazioni tra Stati Uniti e Colombia, tra cui la rinegoziazione di un accordo di libero scambio e nuovi modi di combattere il traffico di droga. Inoltre, la volontà di Petro di riprendere le relazioni diplomatiche con il Venezuela ha fatto scattare un campanello d’allarme, soprattutto perché molti attacchi armati violenti e altre forme di instabilità in Colombia provengono dal territorio venezuelano.

Tutte le parti interessate al futuro della Colombia, sia in patria sia all’estero, attendono con cautela gli sviluppi prima, durante e dopo l’insediamento di Petro il 7 agosto. Qualsiasi cosa accada in Colombia avrà inevitabilmente un impatto sul futuro della regione e oltre. Petro deve decidere se perseguire la strada di un governo responsabile all’interno dei confini delle istituzioni di potere della nazione o intraprendere un percorso più populista. Ovvero, operare ai confini dei limiti costituzionali, o potenzialmente oltre, rischiando seriamente una reazione. La legislatura e la magistratura colombiane monitoreranno attentamente la situazione, così come l’establishment militare e di sicurezza del Paese.

Per quanto riguarda l’America Latina, la vittoria di Petro in Colombia ha accelerato il più ampio spostamento a sinistra della regione, in particolare dopo le vittorie della sinistra in Perù, Cile e Honduras nel 2021. L’eccezione generale è stata l’Ecuador, anche se il futuro del suo presidente di centrodestra Guillermo Lasso è minacciato da proteste pubbliche di massa. Questo spostamento regionale verso sinistra si consoliderebbe se l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva tornasse al potere nelle elezioni nazionali brasiliane di ottobre. Secondo i sondaggi attuali, è sulla buona strada. Tuttavia, da qui ad allora tutto rimane possibile nel contesto di estrema volatilità che domina la politica a livello globale.

Questo articolo e’ stato pubblicato su Le Formiche