LA SFIDA CINESE.  IL CONGRESSO E LA CENTRALITA’ DI XI IN PATRIA E ALL’ESTERO

image0 (6e1dc1ef-7007-4bbe-82f6-d7934cb69753)

Che cosa aspettarsi dal più importante evento politico a Pechino? L’analisi di Marco Vicenzino, consulente strategico, sulle conseguenze globali, dalle Americhe alla Russia

15 Ottobre 2022

Pubblicato su Formiche

Di Marco Vicenzino

Per quanto riguarda le aspettative, l’intera settimana di eventi che inizierà il 16 ottobre è stata attentamente e meticolosamente organizzata da molto tempo per evitare qualsiasi imprevisto e per garantire una transizione fluida e senza intoppi verso un terzo mandato per Xi Jinping che non ha precedenti. Per Xi e la leadership del Partito comunista cinese, questo Congresso rappresenta l’appuntamento politico più importante degli ultimi dieci anni. L’incoronazione al suo terzo mandato consolida definitivamente il controllo di Xi sulla Cina e sul Pcc.

L’attenzione generale di Xi per la centralizzazione del potere nell’ultimo decennio è accelerata da questo Congresso. Le crescenti sfide economiche in patria e all’estero hanno fornito a Xi il pretesto per rafforzare ulteriormente questo processo di centralizzazione. Gli ha permesso di assumere una leadership assoluta, in particolare nei momenti di crisi come la pandemia di Covid-19. Tuttavia, la crescente centralizzazione minaccia il dinamismo economico e il pragmatismo che, iniziati più di quarant’anni fa, hanno fatto della Cina la seconda economia del mondo.

Il messaggio

Un obiettivo fondamentale di questo Congresso è sottolineare ai cinesi e al mondo che la Cina sta adempiendo alla sua missione storica di raggiungere la grandezza in patria e all’estero e che la continua leadership di Xi è indispensabile in questa missione. Qualsiasi nuova nomina sarà chiaramente affidata ai fedelissimi di Xi, come i prossimi cambiamenti a livello di diplomazia e di forze armate. Al Congresso del Partito, il culto della personalità di Xi sarà ulteriormente consolidato. L’obiettivo di Xi è quello di assicurarsi un posto nel pantheon storico dei grandi leader cinesi.

Il dissenso?

Il Congresso è stato preceduto da una stretta repressiva su ogni forma di opposizione a Xi e al PCC. Di fatto, gli arresti di quelli che sono considerati dei sospettati e degli agitatori sono iniziati mesi fa. Si va dai criminali ai sostenitori delle minoranze etniche. In sostanza, chiunque Xi e i suoi considerino una minaccia o un rischio per il sistema è stato neutralizzato, almeno per ora, durante il Congresso.

E lo Zero Covid?

Il comunicato pre-congressuale ha elogiato la politica Zero Covid di Xi, definita anche guerra totale al Covid. Xi ha usato il Covid come pretesto per consolidare ulteriormente il potere in patria ed eliminare ulteriormente ogni forma di opposizione nella misura massima possibile. Il Congresso non segnerà alcun cambiamento importante nella politica di Xi di “Zero-Covid”, nonostante il fatto che le rigide misure di sicurezza e l’implacabile applicazione dei test di massa e delle chiusure improvvise abbiano provocato la frustrazione di molti cittadini cinesi.

La linea ufficiale continuerà a sostenere che l’attuale politica Covid di Xi rimane l’opzione più efficace per proteggere la salute di 1,4 miliardi di cittadini cinesi, nonostante i costi economici.  Un altro modo di interpretarla è che Xi è disposto a sacrificare parte della produttività economica (almeno nell’immediato) in nome di un maggiore controllo politico a lungo termine.

Mentre il resto del mondo sta superando il Covid, Xi continua a ostacolare l’economia cinese con una linea politica di Zero-Covid.  Per Xi, la politica ha la meglio sui profitti in nome del potere assoluto. Inoltre, la mancata importazione da parte della Cina di farmaci mRNA Covid, in particolare per i cittadini più vulnerabili, ha chiaramente una dimensione politica che continua a scontentare molti nella comunità medica cinese.

Le ambizioni globali

Gli attuali problemi economici della Cina stanno di fatto rafforzando la determinazione di Xi a rimodellare l’ordine internazionale verso un mondo più multipolare con la Cina al centro. Tuttavia, le capacità della Cina di farlo sono limitate, soprattutto nel breve e medio termine. Le turbolenze economiche globali scatenate dalla pandemia di Covid-19 – che ha avuto origine in Cina – e dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin – che ha avuto la tacita approvazione di Xi – si faranno sentire per anni. Come il resto del mondo, la Cina è in difficoltà e la sua credibilità ne ha risentito. Tuttavia, la Cina è molto più preparata della maggior parte delle economie mondiali ad affrontare queste sfide. La Cina continuerà a sfruttare questo vantaggio per promuovere i propri interessi a livello internazionale su tutti i fronti, con l’obiettivo primario di rimodellare l’ordine globale.

Il resto del mondo

Da tempo sembra che si stia preparando una tempesta perfetta, dovuta in gran parte alle conseguenze della pandemia di Covid-19 e all’invasione russa dell’Ucraina. È sempre più probabile che ci stiamo dirigendo verso una recessione economica più turbolenta e prolungata. È probabile che duri molto più a lungo di quanto gli economisti mainstream prevedano – o siano disposti ad ammettere – con implicazioni sociali e politiche molto gravi per il prossimo futuro, in particolare come evidenziato dall’aumento dell’inflazione globale e dalle crisi in corso con i prezzi dell’energia e dei generi alimentari. Le recenti statistiche del Fondo Monetario Internazionale sull’economia globale per il 2023 vanno chiaramente in questa direzione. Il Fondo ha tagliato le previsioni di crescita e ha previsto una contrazione economica in un terzo del mondo. Le tre maggiori economie – Stati Uniti, Cina e Unione europea – continueranno a soffrire di una fase di stallo e per molte parti del mondo la sensazione sarà quella di una recessione.

Taiwan

Al momento, la Cina non ha la capacità di invadere Taiwan con successo. Pagherebbe un prezzo enormemente alto a tutti i livelli e non raggiungerebbe il suo obiettivo. Questa realtà può cambiare in circa cinque anni. Il mondo e la più ampia regione dell’Asia orientale potrebbero avere una struttura geopolitica molto diversa. Fondamentalmente, al momento non c’è alcun vantaggio per la Cina nel perseguire un’azione militare contro Taiwan. La sua politica di massima pressione nei confronti di Taiwan è abbastanza orientata al consumo interno, con un avvertimento esterno, in particolare agli Stati Uniti. Tuttavia, la Cina continua a giocare a rimpiattino su Taiwan, rischiando di ottenere un risultato che potrebbe non essere nelle sue intenzioni e di complicare il suo obiettivo a lungo termine di rimodellare l’ordine globale.

L’Ucraina

Dopo aver sfoggiato l’amicizia senza limiti con Xi ai Giochi Olimpici di Pechino all’inizio di quest’anno, il 24 febbraio Vladimir Putin ha dato il via all’invasione dell’Ucraina. Xi ha chiaramente dato la sua tacita, credendo alle attese – errate – del presidente russo che si sarebbe trattato di un’operazione abbastanza rapida e di successo e che avrebbe rafforzato i suoi obiettivi a livello internazionale, in particolare la riorganizzazione dell’ordine internazionale.

Il corso disastroso della guerra in Ucraina di Putin si è rivelato un grave passo indietro per Xi su numerosi fronti. Gli ha fornito lezioni serie e un brusco risveglio, in particolare per quanto riguarda la sua visione consolidata di un mondo occidentale in rapido declino e meno efficace. La dimostrazione occidentale di continua unità e azione concertata sull’Ucraina – in particolare le sanzioni contro la Russia – ha sorpreso Xi. Ciò ha avuto un impatto anche sui suoi calcoli nei confronti di Taiwan e di altre rivendicazioni e dispute territoriali lungo i confini della Cina.

È improbabile che Xi abbandoni Putin a breve, ma le sue serie preoccupazioni sull’andamento della guerra in Ucraina di Putin stanno crescendo e sono state espresse anche in pubblico. L’obiettivo finale a lungo termine di Xi è garantire alla Cina un ruolo di primo piano al centro di un nuovo ordine globale a tutti i livelli. Dal punto di vista di Xi, la guerra di Putin in Ucraina sta complicando sempre più questa missione, poiché ha un impatto negativo sugli affari della Cina a livello globale.

Per ora, Xi vede Putin che gioca la carta del nucleare con l’Occidente come una tattica negoziale in un più ampio, ma sempre più rischioso, gioco di prestigio. Anche se gli attori razionali faranno tutto il necessario per evitare un esito nucleare, il pericolo risiede in un errore di calcolo potenzialmente imprevedibile e non intenzionale che potrebbe portare a tale esito. Da qui la necessità imprescindibile che tutte le linee di comunicazione siano costantemente attive e aperte tra tutte le parti coinvolte.

Le midterm Usa

In un contesto politico fortemente polarizzato, oggi sono poche le questioni che ricevono un sostegno bipartisan a Washington. La Cina è la principale questione di politica estera che gode di un consenso bipartisan quasi unanime. Anche se i Democratici di Biden dovessero perdere la maggioranza in uno o in entrambi i rami del Congresso alle elezioni di metà mandato, il presidente continuerà a ricevere il necessario sostegno bipartisan finché perseguirà una linea di fermezza nei confronti di Xi Jinping e del Pcc.

La Cina non è una semplice questione di parte, ma è diventata una questione esistenziale sul fronte della politica estera. Biden ha giustamente chiarito di recente che gli Stati Uniti devono affrontare un “decennio decisivo” nella loro competizione con la Cina. Ciò è ulteriormente supportato dalla Strategia di sicurezza nazionale recentemente pubblicata, che evidenzia la capacità e la spinta della Cina a rimodellare l’ordine internazionale.

A mio avviso, l’establishment della politica estera statunitense si è svegliato molto tardi di fronte alla minaccia del Pcc ed è stato generalmente in ritardo rispetto a questa sfida. Sebbene alcuni pensino che la guerra sia inevitabile, gli Stati Uniti devono perseguire una strategia a lungo termine ben ponderata che preveda un impegno costruttivo con la Cina quando è possibile e una linea ferma quando è necessario.

L’America Latina

Negli ultimi due decenni, la Cina è diventata il principale partner economico di gran parte dell’America Latina e un importante erogatore di investimenti diretti esteri, il che le ha conferito un’enorme influenza sulla regione, in particolare in ambito politico e diplomatico, e persino sulla sicurezza in Paesi come il Venezuela. Ciò ha suscitato serie preoccupazioni negli Stati Uniti, che temono che la Cina stia usando la sua influenza per estendere i suoi obiettivi strategici e minare gli interessi statunitensi in America Latina. Ha anche destato preoccupazione in diverse nazioni della regione e non solo, per il timore di un’ingerenza nei loro affari interni e nelle loro politiche estere. In realtà, gran parte di questo fenomeno non viene riportato e non viene analizzato nella regione. Questo notevole vuoto facilita la capacità della Cina di operare efficacemente in tutta l’America Latina, a scapito degli interessi regionali e nazionali.

Tuttavia, gli Stati Uniti devono agire con cautela nei rapporti con le nazioni dell’America Latina. Fare pressione su qualsiasi Stato affinché faccia una scelta tra gli Stati Uniti e la Cina può provocare reazioni avverse e stimolare alcune convinzioni regionali sugli Stati Uniti, che tradizionalmente consideravano la regione come parte del proprio vicinato emisferico. Con l’America Latina, gli Stati Uniti devono perseguire un impegno strategico efficace che sia astutamente equilibrato nella retorica e si concentri su azioni che producano risultati tangibili.